Scadenza Lipe 2018, 17 settembre termine ultimo per l’invio

Gtres

Gtres

Non ci sono più dubbi per quanto riguarda la scadenza della Lipe relativa al secondo trimestre 2018. L‘Agenzia delle Entrate, infatti, ha ribadito ufficialmente che la comunicazione periodica delle liquidazioni Iva è fissata al 17 settembre

Il dubbio sull’effettiva data di scadenza si era generato in base a quanto affermato dal comma 932 dell’articolo 1 della Legge 205/2017:

“Al fine di evitare la sovrapposizione di adempimenti, per gli anni in cui si applicano le disposizioni di cui all’articolo 21 del decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78, convertito, con modificazioni, dalla legge 30 luglio 2010, n. 122, il termine del 16 settembre di cui al comma 1 dello stesso articolo 21 è fissato al 30 settembre e il termine per la presentazione delle dichiarazioni in materia di imposte sui redditi e di imposta regionale sulle attività produttive dei soggetti indicati nell’articolo 2 del regolamento di cui al decreto del Presidente della Repubblica 22 luglio 1998, n. 322, in scadenza al 30 settembre, è fissato al 31 ottobre

In buona sostanza, l’articolo 21 del DL 78/2010 citato dalla norma di cui sopra è quello che disciplina lo spesometro; tuttavia, il successivo articolo 21-bis, che disciplina le Lipe, rimanda a quest’ultimo per quanto riguarda le scadenze da osservare.

Proprio per questo, riguardo al termine ultimo per la comunicazione Lipe relativa al 2º trimestre 2018, si è generata parecchia incertezza. Perché al netto di tutte le normative, la data sarebbe dovuta slittare al 30 settembre (che però è una domenica, posticipando quindi al primo ottobre), tanto per le comunicazioni Lipe quanto per lo spesometro del primo semestre 2018.

Ma l’Agenzia delle Entrate è intervenuta con un comunicato ufficiale per fare chiarezza sulla data di scadenza delle informative Lipe relative al secondo trimestre 2018 resta fissata al 17 settembre:

“Per tale adempimento, infatti, non opera la proroga al 30 settembre 2018 (termine differito a lunedì 1° ottobre) prevista per la comunicazione dei dati delle fatture emesse e ricevute. La proroga, disposta dall’art. 1, comma 932, della legge n. 205 del 2017, (Legge di bilancio per il 2018), riguarda, infatti, solo il termine previsto per la comunicazione dei dati delle fatture emesse e ricevute (i.e. spesometro). In particolare, al fine di evitare sovrapposizioni tra gli adempimenti, è stato separato il termine per la comunicazione dei dati delle fatture emesse e ricevute da quello previsto per la comunicazione dei dati relativi alla liquidazione periodica Iva del secondo trimestre 2018, altrimenti coincidenti, come peraltro risulta dai lavori parlamentari preparatori della legge di bilancio 2018”.

0 commenti ↓

Non ci sono ancora commenti ... esprimi la tua opinione compilando il modulo qui sotto.

Scrivi un Commento

Pagina 1 di 1.98112345...101520...Ultima »



.